Atalanta-Monza 2-0

La violenta contestazione (c’è anche il mitico Togni )

13 giugno 1999 38a Serie B 98/99

Ultima partita di questo disgraziato campionato compromesso con i due pareggi interni con Reggiana e Fidelis Andria, avremmo ancora una possibilità matematica di poter arrivare a uno spareggio ma non è un modo di dire è proprio una di numero praticamente non esiste.
La partita con il Monza trascorre tra la generale indifferenza che poi si trasforma in violenta contestazione, un rigore di Caccia la sblocca subito poi nella ripresa ancora Caccia raddoppia e finisce 2-0.

Il raddoppio di Caccia nel secondo tempo

Alla mezzora del primo tempo però dalla Nord si inizia a picconare la vetrata con cartelli stradali, è una reazione inconsulta e vergognosa alla delusione, il campionato non è stato fallimentare, la promozione sfuma per tre punti, segnando una delle tantissime occasioni create con Reggiana e Fidelis Andria i punti in più sarebbero stati quattro.

I picconatori

A fine partita Ruggeri annuncia Vavassori e che si ripartirà dai giovani talenti delle Primavera che saliranno in prima squadra con il loro allenatore, gli acquisti saranno infatti pochissimi, Nappi l’unico che influirà, arriverà Caniggia ma solo per un’operazione nostalgia.

Nicola Caccia diciotto gol nella Serie B 98/99