Atalanta-Sampdoria 3-1

18 settembre 1949 2a Serie A 49/50

Seconda di campionato, alla prima abbiamo travolto il Bologna a Bologna, il set è finito 2-6.
Nel raro filmato si vedono molte curiosità interessanti: l’ingresso in campo è dov’è ora cioè a fianco della tribuna centrale (praticamente prima che esistesse il tunnel degli spogliatoi).
La squadra all’entrata in campo indossa la consueta maglia nerazzurra, quando si schierano a centrocampo pure, poi si inizia a giocare e…siamo in maglia bianca evidentemente l’arbitro ha deciso di farci cambiare tenuta per evitare confusione (altrimenti non ci sarebbe ragione).
Si vedono infatti i nostri giocatori (quando viene inquadrato l’allenatore avversario che altri non è che la vecchia gloria del Torino e della nazionale Baloncieri) sullo sfondo che indossano la maglia bianca di ritorno dagli spogliatoi dopo il cambio maglia.
A parte questo c’è pure la partita, siamo in quindicimila tutti stipati, c’è un palo del Doria poi un salvataggio sulla linea degli ospiti e, allo scadere del tempo, andiamo in vantaggio con Soerensen (probabilmente di testa).
A metà secondo tempo pareggiano gli ospiti, poi Cergoli prende due volte il palo ma nella seconda occasione è bravo Busnelli a toccare in rete, il Doria rimane pure in dieci.
Altri cinque minuti e il grande Hansen batte il portiere, sulla linea c’è un netto fallo di mano e lo stesso Hansen trasforma il rigore spiazzando l’estremo difensore doriano.
Finisce 3-1 e nelle curvette di legno sventola una bandiera nerazzurra, le immagini sono straordinariamente chiare per essere a fine anni quaranta e davvero emozionanti per vivere l’atmosfera d’epoca.

Siamo in testa a punteggio pieno con nove gol segnati in due partite e la stampa nazionale se ne accorge
Casari precede in presa il futuro atalantino Bassetto
Leschly Soerensen diciassette gol nella Serie A 49/50
Onorio Busnelli quattro gol nella Serie A 49/50
Karl Haage Hansen diciotto gol nella Serie A 49/50