Reggiana-Atalanta 1-1

16 maggio 1976 33a Serie B 75/76

La Reggiana è ultima e già retrocessa ma noi in trasferta non facciamo punti da febbraio, è (fortunatamente) l’ultimo dei tre anni mediocri di B di metà anni settanta.
Fa molto caldo, nel primo tempo accade poco o nulla, anche la ripresa si trascina così quando a un quarto d’ora dal termine il giovane attaccante locale Frutti (che diventerà poi un notevole bomber di categoria) inventa o forse trova un gol in mezza girata colpendo tra stinco e piede, insomma ne esce una traiettoria imprendibile per Cipollini.
Momento calcisticamente drammatico ma in squadra ci sono già i giovanissimi Tavola e Fanna e quest’ultimo si procura subito una punizione dal limite, Russo tocca a Gusto Scala che infila imparabilmente, abbiamo pareggiato in un minuto tanto che a “Tutto il calcio minuto per minuto” non ho nemmeno il tempo di spaventarmi, viene annunciato il cambio di risultato direttamente da 0-0 a 1-1 e la visita allo Zoo di Milano al quale ero stato portato (con radiolina annessa ovviamente) può proseguire.
Prosegue pure il nostro finale di campionato, mancano cinque giornate al termine e abbiamo due punti di vantaggio sulla terzultima che retrocede in Serie C.

Augusto Scala quattro gol nel 75/76