Roma-Atalanta 1-2

24 maggio 2003 34a Serie A 02/03

Ultima di campionato e ultima di una serie di partite abbastanza imbarazzanti con avversari, diciamo, non proprio ferocemente concentrati.
Fa caldo, un migliaio di commoventi ultras della Nord ha seguito la squadra il cuore ha delle ragioni che la ragione non conosce.

i 1000 atalantini a Roma

Siamo a metà primo tempo la Roma qualcosa fa, noi nulla, arriva la notizia (scontata pure quella) del vantaggio della Reggina a Bologna, più di tanto non ci scomponiamo riuscendo ugualmente ad andare in vantaggio con una punizione di Vugrinec deviata involontariamente da Doni, Pelizzoli pur sorpreso non è proprio impeccabile e insomma siamo in vantaggio.
Passano tre minuti e un giovanissimo De Rossi salta tutto solo in area per il pareggio.
Dopo dieci minuti della ripresa in un’azione del tutto confusa Gautieri, forse in fuorigioco di rientro, è bravo a portarsi avanti la palla e a battere in diagonale per il gol del definitivo 1-2, la reazione della Roma come prevedibile non c’è o quasi, come tanti volevano la questione sarà risolta direttamente tra Atalanta e Reggina, è un calcio pre calciopoli e pre calcioscommesse, nonostante quello che magari molti oggi pensano, un calcio molto peggiore di quello odierno.